EAT ME il docufilm

L’Associazione HETA, insieme alla Fanpia Onlus e Villa Miralago, ha prodotto un documentario, per la regia di Ruben Lagattolla e Filippo Biagianti, che narra le storie di due ragazze adolescenti che vivono il problema dei disturbi alimentari da fronti opposti: anoressia e obesità.

Insieme a loro altri ragazzi, i loro familiari, l’equipe multidisciplinari in cui hanno affrontato il loro percorso di cura, a testimonianza di un percorso complesso e unico per ciascuno.

Il documentario ha seguito due anni di vita di queste ragazze, ed è pensato con l’obbiettivo di offrire uno scorcio diretto ma non spettacolarizzato sui DCA, mostrando ciò che c’è al di là del sintomo, spogliandolo dagli stereotipi e fornendo strumenti concreti di intervento.

La gente dovrebbe capire che non c’entra l’esteriorità“.

Queste sono le parole di Caterina, che come tante cerca di far comprendere a chi non attraversa questo problema che quando parliamo di cibo, di corpo e di peso in realtà parliamo di altro.

Queste sintomatologie infatti, pur collegate ad aspetti nutrizionali e fisici a volte anche molto gravi, non hanno a che fare con disfunzioni dell’appetito e non mirano ad un ideale di bellezza, ma esprimono un disagio non riconosciuto. Diventano dunque una soluzione per il soggetto, molto difficile da elaborare diversamente.

Eat Me Project

EAT ME è un progetto di intervento sui disturbi alimentari su diversi piani: prevenzione, sensibilizzazione, promozione della salute.

Si pone come mediatore culturale per favorire un cambiamento nel modo di considerare il cibo e parlare dei disturbi alimentari, sintomo sempre più diffuso soprattutto tra i giovani.

Promuove una diagnosi precoce, perché quando il rapporto con il cibo diventa un problema è fondamentale intervenire tempestivamente per favorire una prognosi positiva.

Opera ai fini della prevenzione, promozione alla salute e cura per aiutare giovani e famiglie a riconoscere ed affrontare i disturbi alimentari.

Cosa facciamo

Gli interventi che realizziamo variano a seconda dell’obbiettivo che ci si propone e delle persone a cui ci rivolgiamo.

Lavoriamo in particolare con gli adolescenti, le famiglie, la scuola e tutte le realtà che hanno come centro di interesse i giovani e le famiglie, come associazioni sportive, palestre, centri di aggregazione giovanili, attraverso concorsi scolastici, interventi diretti e incontri.

Eat Me si estende alla cittadinanza con incontri pubblici, campagne di sensibilizzazione, proiezioni cinematografiche e con ogni iniziativa utile a raggiungere ed informare le persone.

Instagram